Kenny Sailors, come tutto è cominciato



“Guard of Wyoming Kenny Sailors jumps and shoots to make score 21-16. He scored 7 field goals and one free thorw, a total of 15 points”

“La guardia del Wyoming Kenny Sailors salta e tira per il punteggio di 21-16. Ha segnato 7 tiri e un tiro libero, un totale di 15 punti”

Il 3 gennaio 1946 non fu una vittoria per 57-42 del Wyoming contro Long Island University e neanche una gara da 15 punti di Kenny Sailors a consegnare quest’ultimo alla storia; bensì uno scatto in cui Sailors venne colto scoccando un tiro all’apice di un enorme salto da fermo.
L’idea di tirare saltando fu appunto maturata da un mingherlino di 80kg scarsi.
Questo è stato solo il primo e unico scatto di quello che più in avanti si sarebbe evoluto nell’attuale jump shot (o tiro in sospensione), nel quale ora sono maestri i vari Kevin Durant, Ray Allen, Kobe Bryant, Klay Thompson,…
Ma com’è nata l’idea di tirare saltando?
Il nostro piccolo e minuto Kenny usava giocare a basket con suo fratello maggiore per allenarsi.
Il fratello, Bud Sailors, 17 anni e 1.95 m, era 4 anni più grande e 20 cm più alto del fratellino Kenny, e durante le partitelle che spesso facevano per divertirsi, Bud usava rispedire la palla tra i cespugli appena il piccoletto di 65 chili tirava.
Ma un giorno, nel maggio 1937, ci fu un colpo di genio del fratello minore.
Invece che andare in terzo tempo e farsi inchiodare la palla al tabellone, decise di correre verso il fratello, arrestarsi (!!!), saltare (!!!) con due piedi (!!!) e alzare la parabola con una mano (!!!).
La palla si insaccò inesorabilmente alle spalle del fratellone.
Quel tiro, da lì in avanti, si è sempre più perfezionato, fino a diventare il jump shot moderno; e tutto è partito da un tredicenne di 1.67 m che è stato il primo vero pioniere della pallacanestro moderna.
Perché ricordiamoci che senza Sailors non ci sarebbe mai stato un Cousy e senza un Cousy non ci sarebbe mai stato un Maravich e senza un Maravich non avremmo mai visto un Michael Jordan.



Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*