Il destino di Phoenix passa per Devin e Ayton.



I Phoenix Suns sembra che finalmente stiano per invertire il trend delle ultime 8 stagioni. Dietro a questa risalita di certo c’è la solida mano della stella nascente Devin Booker e della prima scelta al draft DeAndre Ayton.

Sicuramente il più contento di questo inizio di stagione è lo stesso Booker, il leader di fatto della franchigia dell’ Arizona. In un’intervista con Bill Reiter di CBS Sports, Booker ha descritto come i due capisaldi del franchigia siano pronti a conquistare il campionato:

“Siamo in una forma strabiliante giochiamo perfettamente insieme e siamo nel miglior stato possibile, sicuramente è la miglior squadra da quando faccio parte di questa franchigia. Deandre ha avuto un’incredibile Summer League , giocando nel modo giusto, non forzando,ha dominando su entrambi i lati del terreno. Sarà la minaccia aerodinamica di cui abbiamo bisogno per aprire lo spazio per tutti gli altri”

E Booker davvero non si sbaglia nel dire che i Suns hanno apportato alcune importanti modifiche al loro roster: oltre a redigere Ayton, hanno aggiunto Trevor Ariza in una mossa a sorpresa, uno dei giocatori 3-e-D più ambiti sul mercato anche a discapito dei Rockets che hanno perso un importante pedina della propria difesa. Hanno anche aggiunto grazie all’ultimo draft l’ala Mikal Bridges.

Per quanto riguarda Ayton, ha avuto un impressionante inizio di stagione, con una media di 14.3 punti, 4.0 assist e 10.7 rimbalzi a partita, a beneficiare certamente di questo inizio di stagione dominante di Ayton è sicuramente Booker che viaggia con 29,3 punti e 6.7 assist di media. Se è così, ed il buongiorno si vede dal mattino, “è il momento vincente” a Phoenix.

Nessuno si aspetta che i Suns si contendono la semifinale di conference in questa stagione, ma se riusciranno a salire di intensità, cancellare l’ultimo posto dello scorso anno ed Ayton e Booker confermare di essere un duo devastante, come dimostrato fino ad ora, potremmo vedere una nuova e bellissima alba per la franchigia dell’Arizona.



Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*