Pagelle Offseason 2019: Pacific Division



LAS VEGAS, NEVADA - OCTOBER 10: Stephen Curry #30 of the Golden State Warriors drives against LeBron James #23 of the Los Angeles Lakers during their preseason game at T-Mobile Arena on October 10, 2018 in Las Vegas, Nevada. The Lakers defeated the Warriors 123-113. NOTE TO USER: User expressly acknowledges and agrees that, by downloading and or using this photograph, User is consenting to the terms and conditions of the Getty Images License Agreement. (Photo by Ethan Miller/Getty Images)

* Tagliato

** Pick Via Trade

*** Two-way contract

**** Sign and trade


  • GOLDEN STATE WARRIORS

Aggiunte
D’Angelo Russell – 4 yrs, 117 mln**** (Nets)
Willie Cauley-Stein – 2 yrs, 4.6 mln

Alec Burks – 1 yr, 2.3 mln

Glenn Robinson III – 1 yr, 1.8 mln.

Roy Devin Marble – 1 yr, 1.6 mln

Omari Spellman ~ Via Trade (Hawks)

Jordan Poole (Draft, #28)

Alen Smailagic (Draft, #39)

Eric Paschall (Draft, #41)

Conferme

Klay Thompson – 5 yrs, 190 mln

Draymond Green – 4 yrs, 100 mln

Kevon Looney – 3 yrs, 15 mln

Perdite

Jordan Bell (Timberwolves)

Quin Cook (Lakers)

Demarcus Cousins (Lakers)

Kevin Durant****(Nets)

Andre Iguodala (Grizzlies)

Damian Jones ~ Via Trade (Hawks)

Shaun Livingston (Ritirato)


I Warriors hanno perso Kevin Durant, anche se sarebbe comunque stato assente per la prossima stagione, e Demarcus Cousins, che molto probabilmente sarà assente per la prossima stagione. In cambio di KD sono riusciti ad ottenere D’Angelo Russell, la stella nascente dei Nets. L’alchimia con Curry, specialmente in difesa, è un grosso dubbio, ma l’ex seconda scelta dei Lakers è un più che degno sostituto all’infortunato Klay Thompson, che qualora dovesse riprendersi al 100%, potrebbe portare ad una eventuale trade di Russell in cambio di qualcosa di davvero grosso. Interessante anche il rimpiazzo del centro. Arriva infatti Willie Cauley-Stein a sostituire l’ex compagno a Sacramento, DMC. I Warriors hanno lasciato andar via giocatori ormai inutilizzabili (o che per ironia della sorte sarebbero stati a breve inutilizzabili…) e ha confermato i contratti di Draymond Green e Klay Thompson con delle estensioni contrattuali mastodontiche. Nonostante l’enorme sfortuna degli scorsi playoffs, i Warriors sono caduti in piedi e hanno saputo rinnovarsi per rimanere comunque ai vertici della Western Conference, e dopo tutti gli inconvenienti precedenti non era affatto semplice.

VOTO OFFSEASON: 8.5


  • LOS ANGELES LAKERS

Aggiunte

Danny Green – 2 yrs, 30 mln

Avery Bradley – 2 yrs, 9.7 mln

Quin Cook – 2 yrs, 6 mln

Demarcus Cousins – 1 yr, 3.5 mln
Jared Dudley – 1 yr, 2.5 mln.

Troy Daniels – 1 yr, 2 mln

Anthony Davis ~ Via Trade (Lakers)

Talen Horton-Tucker (Draft, #46)

Conferme

Kentavious Cadwell-Pope2 yrs, 16.6 mln

Javale McGee – 2 yrs, 8.2 mln

Alex Caruso – 2 yrs, 5.5 mln

Rajon Rondo – 2 yrs, 5.1 mln

Perdite

Tyson Chandler (Rockets)

Reggie Bullock (Pistons)

Mike Muscala (Thunder)

Lonzo Ball ~ Via Trade (Pelicans)

Brandon Ingram ~ Via Trade (Pelicans)

Josh Hart ~ Via Trade (Pelicans)

Jemerrio Jones ~ Via Trade (Wizards)

Moritz Wagner ~ Via Trade (Wizards)

Isaac Bonga ~ Via Trade (Wizards)


Finalmente è finita la telenovela. Anthony Davis è un nuovo giocatore dei Los Angeles Lakers. In cambio però è stato totalmente smantellato il core di giovani che Los Angeles era riuscito ad ottenere a suon di tanking. Davis però ha portato con sé numerosi altri buoni acquisti. Danny Green da Toronto, fresco di anello, e ai Lakers e a Lebron James un 3&D del suo calibro serve come il pane, Demarcus Cousins (già però probabilmente out for the season), e Avery Bradley, altra ancora difensiva.

Nella trade di Davis, però, i Lakers hanno preferito non coinvolgere Kyle Kuzma. Il pacchetto comprendente Kuzma era già stato rifiutato a marzo, e i Lakers con un po’ di fortuna nella lottery sia da parte loro, che dei Pelicans, sono riusciti a non sacrificarlo. L’unico problema ora come ora è proprio l’infortunio di Cousins che però, dovesse tornare per i playoffs, e dovessero i Lakers riuscire a firmare un rimpiazzo adeguato (Dwight Howard), non sarebbe più un problema così grosso. In ogni caso i Lakers sono una delle principali candidate ad alzare il Larry O’Brian Trophy a Giugno.

VOTO OFFSEASON: 9


  • LOS ANGELES CLIPPERS

Aggiunte

Kawhi Leonard – 3 yrs, 103 mln

Patrick Patterson – 1 yr, 2.5 mln

Derrick Walton Jr. – 1 yr, 1.4 mln

Paul George ~ Via Trade (Thunder)

Maurice Harkless ~ Via Trade (Blazers)

Mfiondu Kabengele (Draft, #27)

Conferme

Patrick Beverley – 3 yrs, 40 mln

Ivica Zubac – 3 yrs, 21 mln

JaMychal Green – 2 yrs, 9.8 mln

Rodney McGruder – 3 yrs, 15 mln

Jonathan Motley – 1 yr, 1.5 mln**

Perdite

Wilson Chandler (Nets)

Garrett Temple (Nets)

Danilo Gallinari (Thunder)

Shai Gilgeous-Alexander (Thunder)

Tyrone Wallace (Timberwolves)


I Clippers, dopo tanti anni passati come “cugini sfigati” dei Lakers, sono ufficialmente diventati una contender. E che contender! Kawhi Leonard fresco di MVP delle finali NBA e Paul George finalista al premio di MVP e DPOY sono i due pezzi da 90 che i Clippers hanno ricavato in questa Free agency che fino alla firma di Leonard sembrava essere deludente. E invece è stata probabilmente la miglior offseason della storia della franchigia. Hanno dovuto sacrificare un rookie promettente come Gilgeous-Alexander, e un Danilo Gallinari proveniente dalla miglior stagione in carriera, ma sono riusciti a mantenere molti Free agent tra cui Patrick Beverley. Montrez Harrell è in continua crescita e il miglior sesto uomo della lega da ormai due annate, Lou Williams, aggiunge altro talento offensivo e capacità di creare punti praticamente dal nulla a quella dei due pilastri George e Leonard. Ma la cosa più sbalorditiva di questi Clippers non è l’attacco, seppur formidabile, bensì la difesa. Tra Beverley, George, Leonard e Harrell qualunque attacco, anche dei più talentuosi, avrà fin troppi problemi. Insomma i Clippers sembrano quasi ingiocabili per la maggior parte delle squadre NBA, e ho la netta sensazione che con gli anelli al dito ci finirà proprio una delle due squadre di Los Angeles. La rivalità allo Staples Center non è mai stata così accesa.

VOTO OFFSEASON: 10


  • PHOENIX SUNS

Aggiunte

Ricky Rubio – 3 yrs, 51 mln

Frank Kaminsky – 2 yr, 9.8 mln

Check Diallo – 1 yr, 1.7 mln

Aaron Baynes ~ Via Trade (Celtics)

Jevon Carter ~ Via Trade (Grizzlies)

Dario Saric ~ Via Trade (Suns)

Cameron Johnson (Draft, #11)

Ty Jerome (Draft, #24)

Conferme

Kelly Oubre Jr. – 2 yrs, 30 mln

Perdite

Dragan Bender (Bucks)

Troy Daniels (Lakers)

Richaun Holmes (Kings)

Josh Jackson (Grizzlies)

De’Anthony Melton (Grizzlies)

Raymond Spalding (Hawks)

T.J. Warren (Pacers)


I Suns hanno appena lasciato andare il loro secondo miglior scorer e due ex quarte scelte assolute. In più hanno terminato una stagione all’insegna del tanking più sfrenato, in cerca di una scelta che avrebbe portato a un playmaker (Ja Morant), per finire con una misera sesta scelta durante la lottery che si è poi tramutata addirittura in un’undicesima il giorno del Draft. Chapeau. Ah ma il playmaker è arrivato eh! Ricky Rubio. Non male se non fosse l’unico acquisto minimamente rilevante di questa offseason. Via Trade almeno è arrivato a Phoenix anche Dario Saric, che ha fatto parlare poco di sè nelle ultime due stagioni, e che a Phoenix potrebbe avere qualche possesso in più. I Suns hanno confermato però un Kelly Oubre Jr. in evidente crescita, nonostante il contratto sia abbastanza elevato e quindi rischioso. Che i Suns finiscano di tankare e comincino a sfruttare il potenziale offensivo (difensivo non troppo) a dir poco inestimabile che hanno? Vedremo. In ogni caso di questo passo si continuerà a perdere fin quando Devin Booker non annuncerà il ritiro. Non dovessero sbloccarsi a breve, la richiesta di trade per Booker potrebbe essere abbastanza imminente, e potrebbe sia far bene al giocatore che magari rilanciare la squadra. Ora come ora la massima aspirazione della squadra è il solito cinquantello di Booker a fine stagione, quando l’ultimo posto è ormai abbondantemente consolidato.

VOTO OFFSEASON: 4


  • SACRAMENTO KINGS

Aggiunte

DeWayne Dedmon – 3 yrs, 40 mln

Cory Joseph – 3 yrs, 37 mln

Trevor Ariza – 2 yrs, 25 mln

Richaun Holmes – 2 yr, 9.8 mln

Tyler Lydon – 2 yrs, 3.4 mln

Justin James (Draft, #40)

Kyle Guy (Draft, #55)

Conferme

Harrison Barnes – 4 yrs, 85 mln

Perdite

Alec Burks (Warriors)

Willie Cauley-Stein (Warriors)

Frank Mason (Bucks)


I Kings hanno rafforzato un roster che ormai, abbiamo capito che punta ai playoffs. Pesante in termini di contratto la conferma di Harrison Barnes, ma compensata con i contratti ancora bassissimi di Fox, Hield e Bagley III, che potranno vivere la prossima stagione come una possibile breakout season. I giovani hanno ampissimi margini di miglioramento e la cessione di Cauley-Stein libera potenziale minutaggio per Marvin Bagley III, che potrebbe davvero esplodere diventando a breve uno dei migliori lunghi in circolazione. Sicuramente a meno di miracoli, i Kings non saranno una contender a breve, ma a lungo termine sono sicuramente un progetto interessante e le aggiunte di veterani come Dedmon e Ariza possono senza dubbio incentivare lo sviluppo dei giovani. I Kings credo possano gioire della nona posizione dello scorso anno, posizione in termini di ricavato, comunemente ritenuta la più scomoda in assoluto, in quanto non ti da possibilità di lottare nè ai playoffs, nè alla lottery. Agganciare il tanto agognato ottavo posto per Sacramento è possibile, nonostante la Western Conference sia più ostile che mai.

VOTO OFFSEASON: 6.5





Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*