Top 10 possibili campioni del mondo 2019. [10-6]



BRASILE


Roster

Rafa Luz, G, 1992, M. Andorra (Andorra)
Marcelo Huertas, G, 1983, Baskonia (Spagna)
Yago Mateus Dos Santos, G, 1999, Paulistano (Brasile)
Leandro Barbosa, G, 1982, Minas (Brasile)
Vitor Benite, G, 1990, SP Burgos (Spagna)
Alex Garcia, G, 1980, Bauru Basketball Team (Brasile)
Marcos Louzada Silva, F, 1999, New Orleans Pelicans (USA)
Marcus Vieira De Sousa, F, 1984, Flamengo (Brasile)
Bruno Caboclo, F, 1995, Memphis Grizzlies (USA)
Cristiano Felicio, F/C, 1992, Chicago Bulls (USA)
Anderson Varejao, C, 1982, Flamengo (Brasile)
Augusto Lima, C, 1991, SP Burgos (Spagna)

COACH: Aleksandar Petrovic


I brasiliani si trovano in un girone che sembrerebbe non garantire loro una qualificazione sicura. Infatti oltre la Grecia, gli altri avversari sono la Nuova Zelanda e il Montenegro di Nikola Vucevic. E proprio questi ultimi dovrebbero contendersi il secondo posto nel girone con il Brasile, considerando la Grecia già qualificata. I sudamericani hanno a loro disposizione un roster d’esperienza, trainati dallo storico leader Leandro Barbosa. Una carta ancora da giocarsi è però il lunghissimo Bruno Caboclo, che iniziò non benissimo la sua carriera ai Toronto Raptors, ma che nell’ultima parte di stagione ai Grizzlies ha fatto notare cose molto interessanti.Il Brasile è quindi la nostra decima candidata a vincere il mondiale, anche se la distanza specialmente dalle prime sette è quasi abissale.


NIGERIA


Roster

Al-Farouq Aminu: A – 1990 – Orlando Magic (NBA)
Ike Diogu: A/C – 1983 – Shimane Susanoo Magic (Giappone)
Michael Eric: A/C – 1988 – Kirolbet Baskonia Vitoria-Gasteiz (Spagna)
Ike Iroegbu: G – 1995 – Lietkabelis Panevėžys (Lituania)
Chimezie Metu: A – 1997 – Austin Spurs (G-League)
Jordan Nwora: A – 1998 – Louisville Cardinals (NCAA)
Josh Okogie: G – 1998 – Minnesota Timberwolves (NBA)
Stanley Okoye: G/A – 1991 – Herbalife Gran Canaria (Spagna)
Ekpe Udoh: A/C – 1987 – Beijing Ducks (Cina)
Benjamin Uzoh: G – 1988 – Caballeros de Culiacán (Messico)
Vincent Nnamdi: G – 1996 – Stockton Kings (G-League)
Zanna Talib: C – 1990 – Ironi Nes Ziona (Israele)

COACH: Alexander Nwora


Forse sono un po’ generoso, anche se non so a voi, però a me Josh Okogie intriga parecchio. In più la presenza di Al-Farouq Aminu, che con la nazionale ne ha passate di cotte e di crude (compreso il -83 a Londra 2012 contro gli USA) e di Ekpe Udoh, ex MVP Eurolega con la rappresentativa del Fenerbache, ed ex campione eurolega sempre con quest’ultima, fanno della Nigeria una squadra che può decisamente dire la sua. La squadra è abbondantemente la più forte del suo continente, ma la qualificazione a causa del girone è tutt’altro che scontata. Infatti oltre alla poco temibile Corea, i Nigeriani dovranno affrontare la Russia e l’Argentina, che combatteranno per accaparrarsi i primi due posti.


GERMANIA


Roster

Ismet Akpinar, G, 1995, Basketball Ulm (Germania)
Danilo Barthel, A, 1991, Bayern Munchen Basketball (Germania)
Robin Benzing, A, 1989, Besiktas Jimnastik Kulubu (Turchia)
Isaac Bonga, A, 1999, Washington Wizards (USA)
Niels Giffey, A, 1991, Alba Berlin (Germania)
Maximilian Kleber, A, 1992, Dallas Mavericks (USA)
Maodo Lo, G, 1992, Bayern Munchen Basketball (Germania)
Andreas Obst, G, 1996, Basketball Ulm (Germania)
Dennis Schröder, G, 1993, Oklahoma City Thunder (USA)
Daniel Theis, A, 1992 Boston Celtics (USA)
Johannes Thiemann, C, 1994, Alba Berlin (Germania)
Johannes Voigtmann, C, 1992, Saski Baskonia (Spagna)
Paul Zipser, A, 1994, Bayern Munchen Basketball (Germania)

COACH: Henrik Rodl


Una Germania traboccante di NBA è pronta a dire la sua anche nel mondo della pallacanestro. Nel post Wünder-Dirk i tedeschi si affideranno al play degli OKC Thunder, Dennis Schröder. Ma la Germania può contare anche su nomi del calibro di Daniel Theis, direttamente da Boston, o dei neo acquisti dei Wizards dai Lakers, ovvero Moritz Wagner e Isaac Bonga, o ancora di Maxi Kleber dei Mavericks. Ma in mezzo a così tanta NBA, non scordiamoci dell’ala del Bayern, Paul Zipser, anche lui reduce da due stagioni ai Chicago Bulls. Insomma il roster tedesco è sicuramente di grande talento, e una qualificazione in un girone non irresistibile come il G è pressoché sicura. Probabilmente saranno loro la seconda forza del girone dopo i francesi, vista l’ineguatezza della rosa della Giordania o l’assenza delle due stelle Dominicane Karl-Anthony Towns e Al Horford.



LITUANIA


Roster

Arnas Butkevičius, A, 1992, Rytas Vilnius (Lituania)
Rokas Giedraitis, G, 1992, Alba Berlin (Germania)
Marius Grigonis, G, 1994, Žalgiris Kaunas (Lituania)

Paulius Jankūnas, A/C, 1984, Žalgiris Kaunas (Lituania)
Mantas Kalnietis, G, 1986, ASVEL (Francia)
Mindaugas Kuzminskas, A, 1989, Olympiacos (Grecia)
Lukas Lekavičius, G, 1994, Žalgiris Kaunas (Lituania)
Jonas Mačiulis, A, 1985, AEK Atene (Grecia)
Domantas Sabonis, A/C, 1996, Indiana Pacers (USA)
Renalds Seibutis, G, 1985, Basket Zaragoza (Spagna)
Edgaras Ulanovas, A, 1992, Žalgiris Kaunas (Lituania)
Jonas Valanciunas, C, 1992, Memphis Grizzlies (USA)

COACH: Dainius Adomaitis


Da questa settima posizione in poi la vittoria del mondiale è più che possibile. La Lituania può contare su tre stelle di livello assoluto in panorama europeo e mondiale. Prima di tutto va citato Mindaugas Kuzminskas, veterano in questa squadra e ala dell’Olympiacos Pireo. Il cestista lettone è il leader carismatico della sua nazionale (ovviamente insieme a coach Adomaitis, ormai divenuto famoso per le sue sfuriate e le sue espressioni facciali). Come leader tecnici invece non si possono non citare Jonas Valanciunas, neo Memphis Grizzlies, e reduce dalla sua miglior stagione in termini di attacco, e Domantas Sabonis, sesto uomo dei Pacers, secondo classificato al premio NBA di 6th Man of The Year, vinto da Lou Williams per il secondo anno di fila. Il girone dei lituani non è facile, ma neanche troppo ostico. A contendersi con loro il primo posto ci saranno i Boomers dell’Australia, mentre sicuramente dietro finiranno i Canadesi che non potranno contare su nessuno del formidabile trio Wiggins-Murray-Barrett, e neanche sul centro dei Cleveland Cavaliers, Tristan Thompson. Per loro è ancora in dubbio, amche se fortemente probabile la presenza dei play dei Kings Cory Joseph. Al completo il Canada avrebbe sicuramente potuto puntare ad un posto sul podio. Meno temibile nel girone è il Senegal.


AUSTRALIA


Roster

Aron Baynes: C, 1986, Phoenix Suns (USA)
Andrew Bogut: C, 1984, Free Agent
Xavier Cooks: A, 1995, SIG Strasbourg (Germania)
Jonah Bolden: A, 1996, Philadelphia 76ers (USA)
Matthew Dellavedova: G, 1990, Cleveland Cavaliers (USA)
Cameron Gliddon: G, 1989, Brisbane Bullets (Australia)
Chris Goulding: G, 1988, Melbourne United (Australia)
Joe Ingles: A, 1987, Utah Jazz (USA)
Nick Kay: A, 1992, Wellington Saints (Australia)
Jock Landale: C, 1995, Žalgiris Kaunas (Lituania)
Patty Mills: G, 1988, San Antonio Spurs (USA)
Nathan Sobey: G, 1990, Brisbane Bullets (Australia)
COACH: Andrej Lemanis

Citati prima con la Lituania, i Boomers si contendono con quest’ultima il primo posto nel girone. Il loro quintetto è tutto targato NBA, ed il leader di questa squadra si chiama Patty Mills. La sorprendentissima Australia ha sconfitto la corazzata statunitense per la prima volta nella sua storia. In più ha interrotto una striscia di 78 vittorie consecutive degli americani, che non perdevano una partita dal lontano 2006. Questo dimostra quanto i Boomers siano imprevedibili e cosa possono fare nell’arco di quaranta minuti. Le carte in regola per vincere ci sono, e l’Australia mira quantomeno al podio.


P.S.

Le prime cinque posizioni saranno postate domani



Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*